Alcuni alimenti per i dibetici


Con 3 milioni di diabetici di tipo 2 solo in Italia, la ricerca di modi pratici per gestire la condizione è oggetto di molto interesse. In primis i trattamenti farmacologici, la dieta, lo stile di vita e l’’esercizio fisico.
Poi ci sarebbero un certo numero riportato di alimenti che si dice possiedono proprietà ipoglicemizzanti. Si ritiene che questi vegetali contengano alcuni polifenoli e flavonoidi, i quali potrebbero influenzare positivamente i livelli di glucosio nel sangue.
Qui di seguito, abbiamo elencato quattro popolari alimenti ipoglicemizzanti, noti per essere di beneficio. Molti di questi possono essere reperibili dal vostro fruttivendolo o supermercato locale, rendendo più semplice includerli nella pianificazione del pasto giorno per giorno.
Cannella
Una spezia profumata utilizzata sia per le ricette dolci che salate. È sempre più legata al miglioramento diabete di tipo 2, contribuendo ad abbassare i livelli di glucosio nel sangue e promuovendone la sensibilità all’insulina. Un apporto di 1-6g al giorno (1g equivale a circa mezzo cucchiaino) ha dimostrato di ridurre i livelli di glucosio nel siero in circa 40 giorni; inoltre, è pensato per influenzare positivamente il colesterolo (in particolare il colesterolo LDL) e anche i trigliceridi.
È possibile che la cannella potrebbe rallentare lo svuotamento gastrico, riducendo così la risposta glicemica; questa è una spiegazione dietro il meccanismo nel contribuire alla gestione del diabete di tipo 2.
Cipolle e aglio
La cipolla costituisce la base per molte ricette. Mostra di avere un effetto anti-iperglicemico, contribuendo a controllare i livelli di glucosio post-prandiale, nonché siero e il tessuto lipidico.
L’aglio è un’erba popolare, utilizzata per condire molti piatti, e spesso in coppia con la cipolla. Appartiene alla famiglia di piante da includere (così come le cipolle) porri ed erba cipollina; quando mangiato, l’aglio fa scendere in modo significativo i livelli di glucosio nel siero, il colesterolo totale e i trigliceridi.
L’asparago
Parti della sua radice si dice facciano aumentare i livelli di insulina, l’attività delle cellule pancreatiche determinando un effetto insulinotropico.
Melone amaro
Il melone amaro, più comunemente noto come zucca amara, o karela nelle culture indiane, è presente in molte ricette della cucina asiatica. Un tipo di frutta con caratteristiche che la rendono molto simile ai pomodori o avocado. Ampiamente rinomata per i suoi numerosi vantaggi fitoterapici – tra cui il trattamento delle ustioni, tosse cronica e disturbi mestruali – il melone amaro potrebbero apportare benefici alle persone con diabete di tipo 2. Si ritiene che migliorino l’assorbimento cellulare del glucosio e la sua tolleranza.


Il javascript non è supportato dal browser, o risulta disabilitato, alcune sezioni del sito potrebbero non essere visualizzate correttamente